Forex, EUR/USD crolla dopo dichiarazioni Fed, come operare ora?

A seguito della riunione della Federal Reserve, il cambio EUR/USD si è violentemente riportato in prossimità del supporto chiave a 1,2000 dollari, testando un supporto tecnico molto importante. Anche se la Banca centrale non ha apportato cambiamenti nella politica monetaria, la Fed ha evidenziato come i tassi di interesse dovrebbero salire per due volte entro il 2023 a causa delle stime migliori sul fronte della crescita economica e dell’inflazione.

Per quanto riguarda il programma di acquisti da 120 miliardi di dollari al mese, l’istituto centrale ha ribadito che questo continuerà fino a che non si assisterà a ulteriori progressi sostanziali sul fronte economico. La Federal Reserve vorrebbe infatti che gli Stati Uniti raggiungessero l’obiettivo di massima occupazione e l’inflazione verso il 2% prima di ridurre il Quantitative Easing. Vediamo com’è cambiato il quadro tecnico dell’EUR/USD e come operare.

 

Forex, EUR/USD: l’analisi tecnica

Il sell-off di ieri, a seguito delle dichiarazioni della Fed, hanno portato le quotazioni del cambio EUR/USD in prossimità di un livello statico molto importante, a 1,2000 dollari. Sarà ora importante capire quale potrebbe essere la reazione dei prezzi su quest’area supportiva.

Questo livello è infatti molto importante per i compratori, in quanto una sua violazione potrebbe trasportare le quotazioni in prossimità della successiva area di concentrazione di domanda posta a 1,1712 dollari. Segnali di forza potrebbero invece anticipare un nuovo impulso rialzista e dunque un riassorbimento delle vendite viste ieri.

Per quanto riguarda l’operatività, si potrebbero in questo caso privilegiare strategie di matrice rialzista che mirerebbero inizialmente a 1,2100 e successivamente a 1,2200 dollari. Vediamo ora la strategia e i livelli operativi nel dettaglio.

 

Forex, EUR/USD: le strategie operative con i Certificati Turbo24 di IG

A livello operativo, si potrebbero valutare strategie long da 1,2000 dollari. Lo stop loss potrebbe essere localizzato a 1,1970 dollari, mentre il target a 1,2100 dollari.

Per questo tipo di operatività si presta il Certificato Turbo24 Long di IG con ISIN DE000A220EQ2, leva 10 e prezzo ask a 12,238 euro. Con il Turbo Calculator vediamo i livelli corrispondenti sul Certificate: prezzo di entrata a 12,323 euro, stop loss a 12,023 euro e target a 13,325 euro. Per trovare la corretta size di ingresso a mercato, ricordiamo che:

 

  • 1 Turbo24 = 0,01 euro a punto
  • 10 Turbo24 = 0,10 euro a punto
  • 100 Turbo24 = 1 euro a punto
  • 1.000 Turbo24 = 10 euro a punto

 

Ad esempio, pensiamo di comprare 100 pezzi del Certificato Turbo24 con ISIN DE000A220EQ2 per un controvalore di 1.225,20 euro. Se il nostro target venisse raggiunto potremo vendere i prodotti incassando 1.332,50 euro. Se invece dovesse essere raggiunto lo stop loss si avrebbe la possibilità di vendere i Certificate a 1.202,30 euro.

L’ammontare massimo che si potrà perdere non supererà in ogni caso l’investimento iniziale: perché accada ciò le quotazioni dell’EUR/USD dovranno raggiungere i 1,076872 dollari, dove si trova il Knock-Out del Certificate.

 

 

 

DISCLAIMER

Questo articolo è stato sponsorizzato dall'emittente o dall'intermediario menzionato. Le informazioni in esso contenute non devono essere considerate né interpretate come consulenza in materia di investimenti. Eventuali punti di vista e/o opinioni espressi non sono intesi e non devono essere interpretate come raccomandazioni o consigli di investimento, fiscali e/o legali. Investire.biz non si assume alcuna responsabilità per azioni, costi, spese, danni e perdite subiti a seguito di informazioni, punti di vista o opinioni presenti su questo sito. Prima di intraprendere decisioni di investimento, invitiamo gli utenti a leggere la documentazione regolamentare sempre disponibile per legge sul sito dell'emittente ed ottenere una consulenza professionale.

0 - Commenti