Criptovalute: in Germania il Bitcoin diventa istituzionale

Con il rialzo delle criptovalute e l’interesse da parte degli istituzionali per questo asset alternativo, anche in Europa sempre più investitori professionali stanno aprendo a possibilità di investire in Bitcoin.

Di recente il Parlamento federale Tedesco ha approvato una legge che permetterà a circa 4.000 fondi di investimento istituzionali, chiamati Spezialfonds, di destinare fino al 20% dei propri investimenti in criptovalute. Vediamo tutti i dettagli.

 

Germania accelera sulle criptovalute: il Bitcoin diventa istituzionale

La legge entrerà in vigore dal 1° luglio dopo l’approvazione del Consiglio Federale Tedesco.
“L’aggiunta di criptovalute negli Spezialfonds è un passo importante per la loro accettazione”, ha detto il parlamentare tedesco Frank Schäffler a Decrypt. “Qui, la legge sta andando nella giusta direzione e noi la accogliamo con entusiasmo”, ha aggiunto.

La legge si applicherà sia ai fondi esistenti istituiti da banche, assicurazioni e fondi pensione, sia a quelli di nuova creazione. I fondi in questione detengono circa 1.200 miliardi di euro, l’apertura alle cripto potrebbe quindi portare ad una grande domanda di valute digitali.

Hildebrandt, CEO di Distributed Ledger Consulting (DLC), ha esercitato pressioni per oltre 2 anni per aggiornare la legislazione in questo settore, insieme a BVI, l'asset management Association della nazione. Quando i nuovi regolamenti diventeranno legge il 1 ° luglio, se Spezialfonds (esclusi quelli progettati esclusivamente per le risorse fisiche) scegliesse di collocare anche un'allocazione di fondi dell'1% in criptovaluta, l'impatto sul settore delle criptovalute sarebbe enorme, ha detto il CEO.

"Questo non accadrà dall'oggi al domani, ma stiamo parlando del più grande veicolo di investimento che abbiamo in Germania, letteralmente tutti i soldi sono lì", ha spiegato Hildebrandt. Teoricamente, fino a 350 miliardi di euro potrebbero entrare nel mercato delle criptovalute solo da Spezialfonds, ha concluso il CEO di DLC.


Gli investitori attendono gli ETF

Gli Spezialfonds tedeschi sono stati paragonati ai fondi di investimento speciali (SIF) in Lussemburgo e ai fondi per investitori qualificati (QIF) in Irlanda. Questi tipi di veicoli di investimento sono attraenti per le istituzioni perché consentono flessibilità e sono molto meno restrittivi in ​​termini di requisiti di liquidità, diversificazione, restrizioni sull'assunzione di prestiti e leva finanziaria. Allo stesso tempo, un solido quadro normativo fornisce garanzie agli investitori.

Ora, i fondi sono destinati a diventare l'ultima aggiunta agli strumenti che le istituzioni hanno a disposizione consentendo loro di acquistare risorse digitali senza acquistare criptovalute reali, eludendo così la necessità di gestire scambi di criptovalute o portafogli digitali.

Le mosse audaci della Germania seguono la sua introduzione della legge all'inizio del 2020 che consente alle banche di vendere e detenere criptovalute. La società di servizi finanziari ETC Group è stata la prima a lanciare un ETP Bitcoin sulla borsa valori tedesca nel 2020, BaFin, il regolatore finanziario tedesco, ha riconosciuto le criptovalute come strumenti finanziari.

 

 

 

0 - Commenti