Jack Dorsey: chi è il fondatore del social network Twitter

Ex modello di origine italiana da parte di madre, è la mente dietro uno dei social network più utilizzati al mondo: Twitter.Ma non solo. Ecco tutto quello che c’è da sapere su Jack Dorsey. Nato a Saint Louis il 19 novembre 1976, Jack Patrick Dorsey è un informatico, imprenditore e filantropo statunitense, noto soprattutto per essere il creatore del social network Twitter. È inoltre il fondatore e l'Amministratore delegato di Square. Ecco la sua storia.

 

Infanzia e studi universitari
Dorsey è nato e cresciuto a St. Louis, Missouri. Figlio di Tim e Marcia (nata Smith), è di origine inglese, irlandese e italiana (da parte di madre). Fu cresciuto cattolico. Suo padre ha lavorato come ingegnere di attrezzature mediche, sua madre era casalinga. Dorsey frequentò il liceo cattolico DuBourg High School. In giovane età ha lavorato occasionalmente come modello. Da ragazzo studente si innamora dell’informatica e della programmazione open source. All'età di quattordici anni si interessò al routing delle spedizioni. Alcuni dei software che ha creato, nell'area della logistica delle spedizioni, sono ancora utilizzati dalle società di taxi. Tra il 1995 e il 1997, Dorsey ha frequentato l'Università del Missouri-Rolla per due anni prima di trasferirsi all'Università di New York. Così come Bill Gates, Steve Jobs e Mark Zuckerberg, ha lasciato il college prima di laurearsi, un semestre prima della laurea. L'idea di sviluppare Twitter è nata proprio durante il suo periodo di studi alla New York University.

 

La nascita di Twitter
Trasferitosi in California, nel 2000 Dorsey ha iniziato a lavorare come programmatore a Oakland. Ispirato in parte da LiveJournal e da AOL Instant Messenger, ebbe l’idea di creare una società per gestire taxi, e-mail e servizi di emergenza utilizzando il suo software di comunicazione attraverso brevi messaggi in tempo reale. Tuttavia, dopo la bolla delle dot-com il progetto fallì e Dorsey rimase disoccupato. Dopo il fallimento della sua azienda, si guadagna da vivere lavorando come libero professionista e ha persino frequentato corsi di terapia di massaggio.

Successivamente entrò in contatto con Odeo, una piccola azienda situata a San Francisco. Nel 2006, Odeo ha iniziato a sperimentare una crisi finanziaria e, soprattutto, difficoltà ideologiche. Dorsey propose un prodotto del tutto nuovo all’azienda: un servizio che consenta agli utenti di condividere le loro idee online tramite brevi messaggi. Il giovane talento riuscì ad interessare il co-fondatore di Odeo Evan Williams e uno dei dirigenti dell'azienda, Biz Stone.

Nell'ottobre 2006, i tre - insieme ad altri membri di Odeo - fondarono la Obvious Corporation, che sarebbe poi diventata Twitter per come la conosciamo oggi, con Dorsey come Amministratore delegato. Entro due settimane, Dorsey creò un semplice sito in cui gli utenti potevano pubblicare immediatamente brevi messaggi di testo della lunghezza massima di 140 caratteri, chiamati “tweet”. Acquistarono il nome di dominio Twitter per circa 7.000 dollari. Il primo post su Twitter è apparso il 21 marzo 2006. Jack Dorsey ha scritto nel suo account: "Sto solo impostando il mio twttr", omaggio al primo nome del progetto Twitter e ispirato al già famoso Flickr.

La prima versione pubblica del servizio è stata rilasciata nel giugno 2006. Quando Twitter ha iniziato a crescere in popolarità, Dorsey ha scelto il miglioramento dei tempi di attività e la creazione di entrate come priorità assoluta, dal momento che Twitter – inizialmente - non era stato progettato per guadagnare. Dorsey ha descritto l'uso commerciale di Twitter e delle sue API come due cose che potrebbero portare a funzionalità a pagamento.

 

Cambi al vertice
Pensando di moltiplicare la sua ricchezza, Evan Williams ha convinto il consiglio di Twitter a spostare Jack Dorsey dalla sua posizione. Nell'ottobre 2008 Dorsey è stato spostato dal suo incarico di Direttore esecutivo di Twitter e ha interrotto il suo lavoro attivo in azienda. Nel 2010, Evan Williams non riuscì più a gestire il suo incarico e si dimise lasciando il posto a un altro top manager di Twitter: Dick Costolo, che in seguito decise di riportare Dorsey alla carica di Presidente esecutivo. Il 10 giugno 2015, Dick Costolo ha annunciato le dimissioni da CEO di Twitter a partire dal 1° luglio 2015. Jack Dorsey ha assunto la carica di CEO ad interim. Il 5 ottobre 2015 Jack Dorsey è stato assegnato come CEO permanente di Twitter.

 

Wall Street: gli sviluppi delle azioni Twitter
Nel novembre 2013, Dorsey ha visto crescere enormemente il suo patrimonio grazie all’offerta pubblica iniziale di Twitter. Le azioni della società avevano un prezzo iniziale di 26 dollari, ma il prezzo salì rapidamente a 45 dollari durante il primo giorno di negoziazione. In poche ore Dorsey è diventato miliardario grazie alle circa 23,4 milioni di azioni Twitter in portafoglio. Ad oggi Twitter è il terzo social network più utilizzato nel Mondo, dopo Facebook e Instagram.

Il 24 dicembre 2013 Dorsey è stato annunciato come nuovo membro del Consiglio di amministrazione di The Walt Disney Company e, nel gennaio 2018, è stato riferito che non avrebbe cercato la rielezione all'incontro annuale di Disney a marzo, a causa di un possibile conflitto di interessi.

Nel maggio 2016, Dorsey ha annunciato che Twitter non avrebbe conteggiato foto e collegamenti nel limite di 140 caratteri per liberare più spazio per il testo. Questo è stato un tentativo per attirare nuovi utenti, dal momento che il numero di tweet al giorno era sceso da circa 500 milioni di settembre 2013 a circa 300 milioni nel gennaio 2016.

Nel marzo 2018, Dorsey ha annunciato che sarebbe arrivata una versione migliorata del sistema di verifica su Twitter. Lo scopo della riprogettazione della verifica era di consentire alle persone di verificare più fatti su se stessi, sottolineando la prova d'identità. La revisione non era in atto prima delle elezioni di medio termine degli Stati Uniti del 2018 per aiutare a verificare le identità dei candidati.

Nel settembre 2018, Dorsey ha testimoniato davanti al Comitato di intelligence del Senato USA insieme al COO di Facebook Sheryl Sandberg riguardo alle ingerenze nelle elezioni presidenziali del 2016. A seguito di questa testimonianza, le azioni di Twitter persero il 6% a Wall Street.

 

Twitter: arma politica?
Un'opportunità per scambiare brevi messaggi contemporaneamente con milioni di persone in tutto il mondo ha trasformato Twitter – così come gli altri social network - in una pericolosa arma politica. Durante il suo periodo come Presidente, Dorsey si unì a diverse delegazioni del Dipartimento di Stato, incluso un viaggio in Iraq nell'aprile 2009, guidato da Jared Cohen. In Iran, con l'aiuto di Twitter le persone sono riuscite a radunarsi in una grande folla di protesta in pochi giorni.

Qualcosa di simile è accaduto in Moldavia, Guatemala e Uganda. A novembre, quando gli iraniani sono scesi in piazza durante la Rivoluzione verde, Twitter doveva condurre la manutenzione del suo sito, il che avrebbe comportato la chiusura temporanea dei server. Dorsey ha risposto a una richiesta di Cohen di ritardare il mantenimento in modo da non influenzare la rivoluzione in Iran, perché gli iraniani stavano usando Twitter per comunicare e coordinarsi.

Da quando il Presidente Obama aveva annunciato che non ci sarebbero state ingerenze in Iran, la mossa ha suscitato polemiche. Nel febbraio 2010, Dorsey ha fatto parte di un'altra delegazione del Dipartimento di Stato, questa volta in Russia. Più recentemente, Dorsey si è incontrato privatamente con il Presidente degli Stati Uniti Donald Trump alla Casa Bianca e ha discusso delle preoccupazioni di Trump che Twitter avesse limitato o rimosso alcuni dei suoi seguaci sul social network e quelli dei conservatori. Dopo l'incontro, Dorsey ha twittato che la loro discussione includeva rendere Twitter "più sano e più civile".

Una settimana prima, Dorsey aveva preso parte a un discorso TED sulla diffusione di abusi e disinformazione della piattaforma di social media, che gli ha portato critiche. Il 30 agosto 2019 l'account Twitter personale di Dorsey è stato presumibilmente violato per quasi un'ora da un gruppo che si autodefinisce Chuckling Squad, pubblicando e ritwittando numerosi messaggi razzisti.

Dorsey ha fatto uno sforzo per smorzare l'effetto che Twitter ha avuto sulle elezioni politiche, il che ha comportato il divieto di tutte le pubblicità dei partiti. Il giovane manager ha annunciato che, a partire dal 22 novembre 2019, Twitter avrebbe vietato tutta la pubblicità politica. Questo è stato considerato come un grande fattore al calo dell’uso del social network. Il 29 febbraio 2020, è stato annunciato che l'hedge fund attivista Elliott Management, guidato dal miliardario Paul Singer, stava cercando di estromettere Dorsey e nominare quattro consiglieri nel consiglio di Twitter, incluso il senior portfolio manager di Elliott Jesse Cohn. Dorsey ha ricevuto il sostegno degli imprenditori Elon Musk e del co-fondatore di Ethereum Vitalik Buterin, tra gli altri. Le due parti hanno raggiunto un accordo giorni dopo, con Dorsey che è rimasto CEO.

 

Square, Inc.
Insieme al co-fondatore Jim McKelvey, Dorsey ha inoltre sviluppato una piattaforma per i micropagamenti online tramite un dispositivo mobile chiamato Square, rilasciato a maggio 2010. Il piccolo dispositivo di forma quadrata si collega a iPhone, iPad, iPod Touch o dispositivi Android tramite il jack per cuffie e, come lettore di mini card, consente a una persona di scorrere la propria carta, scegliere un importo da trasferire al destinatario e quindi firmare per poter confermare l’operazione.

Square è anche un sistema per l'invio di ricevute cartacee tramite SMS o e-mail ed è disponibile come app gratuita per iOS e Android. La società è cresciuta da 10 dipendenti nel dicembre 2009 a oltre 100 entro giugno 2011. L'ufficio di Square si trova in Market Street a San Francisco. L'8 agosto 2012, Starbucks ha investito 25 milioni di dollari in Square. Inoltre, Howard Schultz, CEO di Starbucks, è entrato a far parte del Consiglio di amministrazione Square.

Per l’azienda fintech, la partnership con la più grande catena di caffetterie è più importante del denaro, in quanto contribuirà a introdurre il nuovo servizio a una grande quantità di consumatori statunitensi. Nel mese di settembre 2012, Business Insider ha valutato la società a 3,2 miliardi di dollari. Al 14 ottobre 2015 Square, data di IPO al New York Stock Exchange, Dorsey possedeva il 24,4% della società.

Filantropia
Nel 2016 Dorsey ha interamente finanziato circa 600 progetti di scuole pubbliche del Missouri, registrati presso DonorsChoose, un'organizzazione statunitense non-profit che permette ai singoli di donare direttamente ai progetti scolastici. Nel febbraio 2017, Dorsey e il Presidente esecutivo Omid Kordestani hanno corrisposto una donazione di 530.000 dollari all'American Civil Liberties Union.

Nell'ottobre 2019 ha donato 150.000 dollari a Team Trees, una raccolta fondi stanziata dallo youtuber MrBeast per combattere la deforestazione. Dorsey si impegnò anche a finanziare l'educazione e la salute delle ragazze e il reddito di base universale. Donò anche 24 milioni di dollari a più di 40 beneficiari diversi per aiuti umanitari. In occasione della pandemia di coronavirus, Dorsey ha annunciato il trasferimento di circa 1 miliardo di dollari (il 28% del suo patrimonio) da Square a Start Small LLC e ai programmi di soccorso relativi al COVID-19.

 

Vita privata e riconoscimenti
Nel 2012 Dorsey si è trasferito nel quartiere Sea Cliff di San Francisco. Ogni mattina va al lavoro camminando per 5 km, definendolo “un periodo liberatorio”. Dorsey ha confessato di non utilizzare i computer portatili. Lo ha detto durante un incontro a Sydney, quando ha spiegato che “non ho un laptop. Faccio tutto con lo smartphone. Per me è importante, perché spengo le notifiche e uso un’applicazione alla volta. Ho solo un’app aperta, e posso davvero concentrarmi su quello che è davanti a me invece che su tutte le cose che mi arriverebbero se usassi un laptop”.

È un fan del rapper statunitense Kendrick Lamar e della stazione radiofonica francese FIP. Nel 2017 Dorsey ha completato i dieci giorni di meditazione noti come Vipaśyanā e insegnati dal maestro S. N. Goenka. Dorsey afferma di consumare un solo pasto al giorno e di digiunare tutto il fine settimana.

Ha contribuito finanziariamente alle campagne elettorali dei candidati democratici Andrew Yang e Tulsi Gabbard alla Presidenza degli Stati Uniti. Nel 2013, parlando con la CNN, Dorsey ha espresso ammirazione per Michael Bloomberg e la sua reinvenzione attraverso il design e le semplici interfacce di ciò che significa essere sindaco. Dorsey pensa che diventare sindaco di New York City sia un'aspirazione che alzerebbe l'asticella per lui. Nel 2011 ha ricoperto l'incarico di giudice per il concorso di New York City Mayor del sindaco Michael Bloomberg a New York.

Nel 2008 la rivista Technology Review, pubblicata dal Massachusetts Institute of Technology, ha inserito il suo nome nella lista "TR35", come uno dei 35 più importanti innovatori nel mondo sotto i 35 anni di età. Nel 2012 è stato insignito del “Innovator of the Year Award” dal Wall Street Journal. È inoltre membro del Consiglio di amministrazione del Berggruen Institute's Governance Center, un think tank indipendente volto a rimodellare le istituzioni politiche e sociali di fronte alle grandi trasformazioni del XXI secolo.

0 - Commenti